Sistema degli spazi aperti a Eraclea Mare, Ve

La frazione di Eraclea Mare è costituita da un centro turistico delimitato dalla strada provinciale denominata Via dei Fiori che con diverse accessibilità perpendicolari, che distribuiscono al centro, al mare e alla spiaggia. Il centro urbano è compatto e presenta, al momento, sui lati nord, est e ovest un rapporto diretto con la campagna. La struttura della mobilità è chiara e semplice, ed è costituita da assi sostanzialmente ortogonali che tendono ad uniformarsi per dimensione, composizione degli elementi volumetrici costituiti da case/condomini di villeggiatura, alcuni alberghi. Nel proporre ipotesi di soluzione progettuale si sono selezionati alcuni casi campione che riassumono le principali criticità rilevate. Le proposte progettuali hanno la finalità di dare indicazioni che non risolvono solo un’emergenza in sé, – una singola criticità – ma concorrono a delineare una possibile qualificazione dell’intero ambito di Eraclea Mare. Le azioni previste tendono a codificarsi per consentire la loro attuazione anche in tempi diversificati ma tutti indirizzati nel medio-lungo periodo a “riformare” l’immagine della località marina.

L’elaborazione dello studio di fattibilità ha lo scopo di fornire indicazioni operative specifiche ma anche generali rispetto alle seguenti tematiche:
- problemi riferiti alla sconnessione delle pavimentazioni in corrispondenza della base degli alberi;
- valutazione e selezione della vegetazione e dell’arredo urbano da impiegare sulla base di una logica generale coerente e univoca;
- rafforzamento di una immagine identitaria e chiara del centro balneare di Eraclea Mare;
- qualificazione di alcuni luoghi urbani strategici;
- controllo degli interventi di qualificazione sia ad opera del pubblico che del privato;
- continuità e strutturazione delle operazioni di qualificazione.

Crediti:
Cronologia | 2014
Luogo | Eraclea Mare, Ve
Committente | Comune di Eraclea
Progettista | MADE associati _ Treviso
arch. Michela De Poli
arch. Adriano Marangon
Collaboratori | arch. Alessandro Crisan, arch. Andrea Foglio Para
Consulente | Dott. Bernardino Carpenè